Itinerari enogastronomici della Toscana e di Firenze

Se vuoi fare un tour delle specialità culinarie italiane e, in particolar modo, fiorentine non puoi assolutamente perderti queste doverose tappe a Firenze e nei dintorni.

Scopri il Caffè Italiano, trovare subito un autentico bar italiano è forse una delle prime cose che i turisti fanno non appena arrivati a Firenze. Oltre ad assaggiare un caffè di ottima qualità, potrai anche conoscere quelle tecniche di torrefazione che continuano a tramandarsi e migliorarsi di anno in anno. Prosegui il tuo itinerario enogastronomico con il Panino Tartufato. il pane tartufato è una specialità fiorentina che risale a tempi molto antichi, certamente non facile da trovare, ma immancabile nelle storiche botteghe. Assaggialo e ti sorprenderai per il gusto decisamente diverso dal classico pane che siamo abituati a mangiare quotidianamente.

Diversi prodotti enogastronomici presso il  Mercato Centrale di San Lorenzo

Il Mercato Centrale di San Lorenzo è il mercato più importante a Firenze, famosissimo …

Leggi il seguito

Firenze: truffa delle stampe svelata da Youtuber

Truffa delle stampe svelata da un famoso YouTuber che, caricando il video online, ha suscitato critiche e indignazione

Ormai da qualche tempo corre voce che a Firenze ci sia la cosiddetta “truffa delle stampe”, fenomeno a cui in pochi volevano credere, ma con cui tutti si sono dovuti scontrare dopo la pubblicazione di un video che dimostra l’esatta dinamica.

Il trucco consisterebbe nel posizionare per terra, davanti al turista (senza che questo se ne accorga), una stampa che non ha alcun valore ma che, una volta calpestata per sbaglio dalla vittima, si trasforma in un’opera d’arte che merita un caro risarcimento danni.

Questa volta, però, la fortuna non è stata dalla loro parte e, infatti, la vittima è stata niente poco di meno che Harald Baldr, ovvero un importante vlogger che supera i 120 milioni di visualizzazioni.

L’uomo ha ripreso tutto l’accaduto e quando i truffatori si sono

Leggi il seguito

Bagno a Ripoli: aumento delle presenze rispetto al 2018

L’Istat parla di una grande crescita per i primi mesi di questo 2019, con un aumento superiore alle 5000 presenze rispetto allo scorso 2018

Mesi che hanno riservato un vero e proprio regalo a Bagno a Ripoli, con questo grande aumento di turisti, si parla di percentuali superiori al 20%.
Un fenomeno sicuramente positivo, specialmente se messo a confronto con i dati relativi al 2018, che mostrano più di 1000 arrivi in meno rispetto al 2019.
Variegata anche la provenienza di questi turisti, che si dividono quasi perfettamente a metà tra italiani e stranieri.
I dati forniti dall’Istat ci permettono di capire che i turisti non solo sono più propensi ad allungare il loro soggiorno, ma che la maggior parte dei pernottamenti arrivano proprio dagli stranieri.
Importante è anche la presenza dei turisti italiani che hanno fatto registrare un tasso di crescita superiore al 36%.
Il sindaco, Francesco Casini, ha …

Leggi il seguito

Firenze turisti in calo: Hotel che non raggiungono il 100% delle prenotazioni

Turisti in calo per Firenze, una realtà messa in luce dai dati forniti da Confesercenti Toscana che parla di un tasso di occupazione ridotto del 5% rispetto allo scorso anno.

Hotel che non raggiungono il 100% delle prenotazioni, mentre gli albergatori affermano che il 2018 aveva riservato più turisti a Firenze durante questo periodo dell’anno

Una percentuale che potrebbe essere attribuita alla crescita, attuale, dei turisti nelle località balneari in occasione di Ferragosto. Chiaramente le persone preferiscono luoghi più freschi, ma il problema di fondo sta nel fatto che nel 2018, proprio durante questo periodo, c’erano molti più turisti. Un dato che crea allarmismo non soltanto negli albergatori, ma anche nel presidente della sezione alberghiera di Confindustria Firenze, Giancarlo Carniani. Il presidente, infatti, parla di un declino iniziato a luglio, che ha coinvolgo maggiormente i turisti europei, portando non poche perdite per chi opera nel settore turistico.

Quest’anno Firenze …

Leggi il seguito

Come visitare Giardino di Boboli

Il Giardino di Boboli è un vero e proprio museo all’aperto, immerso nel verde, tra statue antiche, grotte, fontane e bellezze architettoniche.

Visitarlo è un’esperienza totalmente suggestiva e Palazzo Pitti, parte integrante dell’itinerario, permette di immergersi ancora di più nella lontana Firenze.  

Tuttavia, è necessario organizzarsi prima e capire quando è possibile accedere a questo meraviglioso complesso, iniziamo dalle basi:

  1. Il biglietto consente l’accesso gratuito al Giardino di Villa Bardini 
  2. Il Giardino è aperto dal lunedì alla domenica ed apre alle 08:15, tuttavia rimarrà sempre chiuso durante il primo ed ultimo lunedì del mese, compresi 1° gennaio e 25 dicembre

 

  • L’orario di chiusura cambia in base alla stagione:

 

    1. 16:30 da novembre a febbraio
    2. 17:30 durante marzo ed ottobre con ora solare
    3. 18:30 ad aprile, maggio, settembre, ottobre e marzo con ora legale
    4. 19:30 da giugno ad agosto

 

  • Anche il costo dell’ingresso cambia in base ai mesi:
Leggi il seguito

Firenze: Giardino di Boboli l’attrazione più gettonata nell’estate 2019

Nonostante tutte le bellezze fiorentine, i turisti hanno espresso una chiara preferenza per Giardino di Boboli che si piazza, quindi, tra le attrazioni più gettonate a Firenze nell’estate 2019

Un trend in costante aumento quello che coinvolge l’intero complesso degli Uffizi e di Palazzo Pitti, ma che vede Giardino di Boboli in testa per numero di visitatori, durante questa estate.

Un fenomeno messo in luce dallo stesso Eike Schmidt, nonché direttore della Galleria degli Uffizi, che parla di dati moltiplicati in un solo anno e che presenta un certo stupore riguardo al tasso di crescita del Giardino di Boboli, ormai maggiore al 7%.

Al secondo posto troviamo, infatti, gli Uffizi con un tasso superiore al 6%, mentre Palazzo Pitti ha registrato una crescita che ha superato il 3%.

Un agosto di fuoco, quindi, quello del turismo fiorentino, che non ha risparmiato nemmeno la Galleria degli Uffizi,

Leggi il seguito