Turismo di massa a Firenze come a Venezia. Convegno Cgil

Analogie nel turismo di massa tra Firenze e Venezia sono oggetto di un convegno organizzato dalla CGIL di Firenze.  Servono norme per le guide turistiche.

Il tema centrale del convegno riguarda Naturalmente il turismo nelle città d’arte del nostro paese, in particolare il turismo di massa. Il lavoro delle camere di commercio è quello di sensibilizzare i cittadini sia nella gestione dei flussi e del mercato turistico sia sul migliore utilizzo della tassa di soggiorno da usare per iniziative a tutela del lavoro del commercio e della legalità.Proprio l’illegalità Infatti si infiltra troppo spesso nel settore turistico, servono norme per i nuovi lavori legati al turismo proprio come ad esempio le guide turistiche,  servono forme di contrasto al part time involontario, forme non corrette di cottimo, mancato rispetto dei contratti nazionali di lavoro. 

Gli affitti turistici  e i bed and breakfast non regolari.

Importante obiettivo è quello di migliorare la qualità del lavoro per chi offre un’offerta turistica e ricettiva, serve la limitazione degli affitti turistici e una lotta efficace al lavoro nero che proprio in questo settore si annida. Esistono poi casi di lavoratori pagati 4 eur all’ora e a nero e senza la tutela,  occorre poi verificare la regolarità dei bed and breakfast. Molto importante è inoltre rafforzare strumenti come la Firenze card e tutte le operazioni promozionali che servono a disincentivare il turismo mordi e fuggi massificato che ormai viene proposto dai tour operator e dai grandi gruppi internazionali senza un reale ritorno di lavoro per le attività locali che voglio punto vivere di turismo.